Perché sudare fa bene e trasmette felicità agli altri

sudore

Da oggi in poi niente più deodoranti per le nostre ascelle. Si rompe il tabù secolare che l’odore del sudore sia poco gradito alle persone. Al contrario, vi spieghiamo perché sudare fa bene e trasmette felicità agli altri.

Il corpo come fonte di comunicazione

Si può salutare qualcuno dicendo “buongiorno” oppure muovendo il braccio. La voce e il gesto sono ambedue una comunicazione verso l’altro. Ma possiamo ben dire che tutto il nostro corpo è fonte di comunicazione, anche il nostro sudore.

Non a caso il mondo animale comunica ad altri livelli. Ad esempio, gli animali usano molto l’olfatto per interagire con i propri simili. Loro che hanno una capacità di sentire col naso centinaia di volte superiore alla nostra, potrebbero raccontarci non poche cose annusando il nostro sudore.

Se il nostro cane potesse parlare, potrebbe dirci, “il tuo sudore mi dice che sei stressato”. Oppure “mi accorgo che oggi hai mangiato molti zuccheri”, oppure “devi aver avuto una delusione, non sei molto felice oggi”. Ecco perché spesso sorprenderete il vostro cane che cerca di annusarvi le ascelle. O che il sudore dopo una sessione di attività fisica.

Il nostro sudore comunica felicità o paura

Perché sudare fa bene e trasmette felicità agli altri? Perché è un’attività necessaria del corpo per l’eliminazione di tossine e non solo. Il sudore porta con sé anche quegli elementi che caratterizzano gli stati di paura e felicità. Se per esempio stiamo vivendo dei momenti belli, un incontro che ci rende felici, una chiacchierata gioiosa fra amici, il sudore del nostro corpo porta con sé tutti questi umori.

La cosa incredibile è che le persone che ci sono vicine, sentendo il nostro sudore, avvertono inconsciamente anche le emozioni che veicola. Sono portate perciò a migliorare il loro umore. Parimenti avviene per la paura. Così è stato stabilito da una ricerca dell’Università di York che ha studiato espressamente questo caso.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te