Vuoi organizzare una festa privata? Ecco il modo per farlo a costo zero…

festa

In un precedente articolo abbiamo visto che esistono una certa quantità di costi dedotti «legalmente» dalle imposte. In questo articolo ti spiegherò come se vuoi organizzare una festa privata? Ecco il modo per farlo a costo zero…

Da festa privata a evento aziendale

Sempre di più la vita personale dell’imprenditore si intreccia con quella professionale.

Quante volte ci sarà successo di organizzare una festa per il nostro compleanno o per il nostro matrimonio e ritrovarsi ad invitare soci, collaboratori, colleghi, clienti, fornitori?

Trasformare una festa privata in un evento aziendale è abbastanza semplice purchè di abbiano le pezze d’appoggio.

Indice dei contenuti

Come creare le pezze di appoggio?

Bisogna creare una serie di elementi in grado di comprovare la veridicità dell’evento:

-si creano inviti;

– foto ricordo aziendali;

– si inseriscono in contabilità la fattura di un trainer/formatore che ha fatto un intervento su un qualche argomento durante l’evento;

– si creano le slide power point e tutta una serie di elementi che possa ricondurre quell’evento ad un vero evento aziendale

Bisogna far attenzione al fatto che durante l’evento ci siano veramente persone con cui condividono l’attività professionale (almeno una parte!). Solitamente le stesse persone con cui vengono scattate le foto ricordo da archiviare in azienda per il controllo dell’Agenzia delle Entrate o della GdF.

Vuoi organizzare una festa privata? Ecco il modo per farlo a costo zero…

Operando questo modo: la location da sogno, il noleggio dell’attrezzatura, il DJ, tutta la spesa alimentare o il catering diventano deducibili come spese di rappresentanza.

Addirittura se hai comprato abiti per quell’evento te li puoi far fatturare all’azienda, con tanto di dicitura «abito professionale»; in tal modo deduci anche quei costi.

Naturalmente devi  corredare la fattura con apposita foto che li ritrae con quell’abito durante la medesima festa «aziendale»!

In questo caso, l’abito non costituisce «spesa di rappresentanza», bensì abbigliamento professionale, deducibile al 100%.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te