Vuoi essere immortale? Allora devi copiare questo animale

medusa

Alchimia, scienza, fantascienza e chi più ne ha più ne metta. Molte sono le branche della conoscenza ad essersi interrogate almeno una volta sulla possibilità dell’immortalità. Apparentemente, l’immortalità non è impossibile, ecco la prova nel mondo animale. Esiste una medusa in grado di rigenerarsi. Come? Scopriamolo insieme.

Vuoi essere immortale? Allora devi copiare questo animale

La Turritopsis dohrnii quando nasce è una larva, che in gergo tecnico si chiama planula. Non resta una larva per tutta la vita. Infatti, ben presto si deposita sul fondo del mare con l’obiettivo di dare vita ad una colonia di polipi. È da questi polipi che ha poi origine una vera e propria moltitudine di meduse , tutte geneticamente identiche.

Vuoi essere immortale? Allora devi copiare questo animale

Queste creature hanno una abilità che ha dell’incredibile. Una vera e propria magia di sopravvivenza. In risposta a danni fisici, a pericoli e simili, queste piccole meduse riescono infatti a fare un salto indietro nel processo evolutivo. Di fatto, regrediscono di nuovo alla forma di un polipo. Dalla colonia di polipi così “rinati”, il processo si ripete, e una nuova “flotta” di meduse, geneticamente identiche all’esemplare che ha avviato la regressione, torna a nuotare. Il fenomeno è stato osservato per la prima volta negli anni ’90 ed è da allora che ci si riferisce a questa particolare specie di medusa con l’appellativo “la medusa immortale”.

Cosa si nasconde dietro l’immortalità della medusa?

Il processo che abbiamo appena descritto è noto col nome di transdifferenziazione. E potrebbe avere importantissime  applicazioni anche in medicina.

La caratteristica peculiarissima della medusa immortale pone anche un interrogativo di natura esistenziale. Infatti, anche se l’organismo che viene riprodotto è biologicamente identico al precedente, tutte le sue cellule sono in ogni caso frutto di una sostituzione. Siamo davvero, dunque, di fronte allo stesso individuo?

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te