Scarica queste app alternative a WhatsApp per non venire spiato

whatsapp

WhatsApp è l’app di messaggistica più diffusa in Italia. Su ProiezionidiBorsa abbiamo parlato in maniera approfondita dei suoi ultimi aggiornamenti. C’è, però, chi storce il naso all’idea di utilizzare quest’app. Sebbene WhatsApp utilizzi un sistema crittografato per proteggere le conversazioni, c’è chi non si sente al sicuro sapendo che l’app appartiene a Facebook. Il colosso dei social ormai sa troppe cose su di noi! Se non vuoi rischiare scarica queste app alternative a WhatsApp per non venire spiato.

Meglio scegliere applicazioni non legate ai social media

Come abbiamo detto Facebook possiede WhatsApp. È in passato ha cercato di sfruttare quest’app per ottenere informazioni dagli utenti. Non a caso. nel 2017. l’Anti Trust nell’Unione Europea ha multato Facebook per 110 milioni di euro. WhatsApp protegge, quindi, i dati e le conversazioni degli utenti da attacchi esterni. Ma molti non si sentono sicuri nei confronti di Facebook stesso.

Le informazioni date dal colosso dei social, come appurato dalla sentenza dell’UE, non erano chiare e spesso confondevano gli utenti. Per essere sicuri al 100% che le nostre informazioni non cadano nelle mani di qualcuno possiamo affidarci ad app indipendenti.

Scarica queste app alternative a WhatsApp per non venire spiato

Ovviamente l’app più famosa e la vera concorrente di WhatsApp è Telegram. Questa è, ormai, così diffusa, che moltissimi la usano anche per creare canali appositi. In questo modo si creano gruppi di discussione a tema ed è perfino possibile ricevere gli aggiornamenti dal Ministero della Salute. Le comunicazioni su Telegram sono ovviamente crittografate. Le informazioni vengono inoltre caricate su cloud e non nei database dell’azienda. Telegram, inoltre, permette di distruggere l’account e non richiede necessariamente il numero di telefono.

L’altra app alternativa a Whatsapp è Signal. Come WhatsApp e Telegram anche Signal permette di chattare, mandare foto, video, sticker ed effettuare chiamate e videochiamate. Il tutto protetto da crittografia end-to-end. Inoltre, ogni conversazione è munita di codice di sicurezza e ogni utente può utilizzare un pin per proteggere l’account. Le conversazioni, inoltre, sono conservate solo nel nostro smartphone e Signal registra nei propri server solo l’avvenuto accesso sull’app.

Consigliati per te