I benefici del mangiare lentamente. Fra di essi, perdere peso

mangiare

Tra le peggiori abitudini c’è quella di mangiare in fretta, correndo e/o  in piedi. La vita frenetica, gli impegni delle giornate di ogni persona, inducono a consumare i pasti velocemente e a masticare rapidamente. Non c’è cosa più sbagliata perchè occorre dare al cibo la giusta attenzione.
Alcuni studiosi dell’Università di Hiroshima, dopo aver monitorato per 5 anni dei pazienti, hanno concluso che mangiare voracemente, di fretta, fa accumulare grasso addominale. Il processo digestivo inizia proprio dalla bocca e dal momento in cui si inizia a mangiare occorrono circa venti minuti, prima che il segnale della sazietà arrivi dallo stomaco al centro del cervello che regola la fame.

Ecco i benefici del mangiare lentamente

Masticare lentamente fa dimagrire

Masticare ogni boccone per circa 30 secondi fa dimagrire. Secondo gli esperti, mangiare lentamente, riduce il senso di fame e quindi può essere di aiuto per la perdita del peso eccessivo. Ci si può abituare facilmente al ritmo lento del pasto, tanto che diventerà una cosa naturale.

Migliorare la digestione

La buona digestione inizia dalla bocca, grazie ai denti ed alla saliva. Mangiare lentamente aiuta la pre-digestione che avviene in bocca e alleggerisce il lavoro dello stomaco digerendo bene.

I benefici del mangiare lentamente sono tanti, il cibo si gusta meglio, e si riducono lo stress e l’ansia. Si riesce a socializzare, a stare in compagnia durante il pasto, a parlare con i propri familiari.
Mangiare in fretta è sintomo di una cattiva abitudine alimentare. Mangiare con calma, vuol dire avere una maggiore consapevolezza dei cibi e delle calorie che si assumono. Chi mangia in fretta, tende a consumare dei cibi poco sani, e ad avere altre cattive abitudini come guardare lo smartphone, oppure mangiare  mentre si guarda la tv. Tutte cose che riducono la consapevolezza di capire, quanto cibo si sta assumendo tendendo ad assumere molte calorie.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te