Ecco come far crescere l’insalata in un bicchiere

insalata

Questo ortaggio si può comprare al supermercato oppure al mercato. Al supermercato potete acquistarla sia in busta sia intera. Quella intera ovviamente andrà tagliata e lavata. Quella in busta non dovete invece assolutamente lavarla. Quindi ora vediamo come e perché bisogna mettere dell’insalata nel bicchiere. Ma solo quella intera, per quella in busta non vale. Ecco come far crescere l’insalata in un bicchiere. Si tratta di una verdura molto consumata in Italia. Questo è un trucco per averne sempre di più e ovviamente a costo zero.

Ecco come far crescere l’insalata in un bicchiere

Vediamo ora come fare. Prendi l’insalata lavala per bene e taglia il gambo. Le foglie di insalata potete cucinarle come preferite mentre per il gambo prendi poi un bicchiere, con dentro due dita di acqua, e inseriscilo dentro. E piano piano vedrete crescere la vostra insalatina. Ed ecco fatto, ora avete la scorta di insalata e avete il vostro piccolo orto personale.

L’insalata ha un contenuto di acqua superiore al 90% e apporta fibra. Solitamente si mangia cruda, l’insalata cotta è molto raro che si faccia. Il fatto che si mangi cruda aiuta a preservare il contenuto di vitamine e di acido folico soprattutto. L’acido folico è fantastico per le donne incinta perché contribuisce allo sviluppo dei tessuti durante la gravidanza. L’insalata è piena di vitamina K, ferro e vitamina A, ad esempio il beta-carotene, quello contenuto nelle carote.

E poi con l’insalata si possono creare tantissimi piatti estivi. Ed è fantastica da mixare quasi con tutto. Pomodori, mozzarella, pollo e vi dicendo. L’insalata è veramente l’alleata di ogni cibo. Be’ ora che sapete come creare il vostro piccolo orto in casa e che soprattutto l’insalata fa bene al nostro corpo non avete scuse. Andate al mercato acquistate dell’insalata e guardatela crescere sul davanzale della vostra finestra in cucina.

Approfondimento

Ecco perché non dovresti mai lavare l’insalata in busta.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te