Come scoprire se il nostro cane ha le pulci

cane

Le pulci sono parassiti molto comuni.

Tutti adoriamo i nostri amici a quattro zampe, ma purtroppo noi umani non siamo gli unici a provare simpatia per cani e gatti. Spesso nel pelo dei nostri compagni animali si annidano parassiti e ospiti indesiderati. I più comuni in assoluto sono le pulci, fastidiosi insetti che si nutrono del sangue dei mammiferi.

Possono colpire anche noi umani, ma gli ospiti preferiti delle pulci sono senza dubbio i cani.

A chi non è capitato di vedere fido grattarsi ossessivamente al ritorno da una passeggiata in campagna? Ma come scoprire se il nostro cane ha le pulci o se si tratta di un prurito passeggero?

Questi antipatici insetti spesso lasciano tracce dietro di sé che non è difficile riconoscere, se sappiamo dove guardare.

Indice dei contenuti

Un trucco per scoprire se il nostro cane ha le pulci

Per prima cosa cerchiamo di scovare le pulci nei punti dove è più facile vederle. Controlliamo con attenzione il nostro cane soprattutto sul ventre e nell’interno delle cosce, dove il pelo è più rado. Se necessario, aiutiamoci con una torcia. Spesso riusciremo a scorgere gli insetti zampettare freneticamente tra i peli del nostro amico.

Ma se il cane ha il pelo molto folto oppure decide di non collaborare, non tutto è perduto. C’è un altro modo per scoprire se il nostro cane ha le pulci: dobbiamo controllare la cuccia di fido alla ricerca di escrementi di pulci. Ma c’è un trucco: stendiamo a terra un asciugamano o un lenzuolo bianco, meglio se all’aperto. Sbattiamo il cuscino di fido in modo che gli escrementi di pulci, se presenti, cadano sul lenzuolo bianco, dove sarà molto più facile distinguerli.

Si tratta di piccoli granelli dal colore nero o rosso scuro, ben visibili a occhio nudo.

Se li troviamo, vuol dire che sfortunatamente il nostro cane si è portato a casa questi fastidiosissimi parassiti.

Ma niente paura, basterà un buon antiparassitario per liberarcene.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te