Vuoi sapere perché c’è un figlio che ti fa arrabbiare più degli altri? La risposta della scienza è sorprendente

figlio

Le mamme sanno che non c’è differenza tra un figlio e l’altro. L’amore nei loro confronti, infatti, è sempre e comunque allo stesso livello. Su questo non c’è alcun dubbio. È anche vero, però, che i caratteri fanno la loro parte. E a volte può accadere di avvertire una maggiore sintonia con un figlio piuttosto che con un altro. E, soprattutto, è facile notare che uno dei figli in particolare può farci saltare i nervi più facilmente rispetto agli altri. Se è successo anche a te, prova a leggere questo articolo. Infatti, se vuoi sapere perché c’è un figlio che ti fa arrabbiare più degli altri, la risposta della scienza è sorprendente e ti lascerà di stucco.

Vediamo l’opinione in merito della psicologa, che ci spiega il motivo di questo atteggiamento

Dunque, vuoi sapere perché c’è un figlio che ti fa arrabbiare più degli altri? La risposta della scienza è sorprendente e arriva da una psicologa in particolare. Stiamo parlando di Marta Segrelles, studiosa catalana, che ha tentato di analizzare questo fenomeno.

Secondo la psicologa, i genitori si arrabbiano in modo più semplice con i figli che presentano i loro stessi difetti. Questo soprattutto perché sanno di essere loro la causa per cui i ragazzi li hanno. Infatti, è normale per un bambino imitare il genitore in tutti i suoi comportamenti. E, dunque, è davvero semplice trasmettere anche le caratteristiche del nostro carattere che non ci piacciono. E tendiamo a castigare i nostri figli se li mostrano. Soprattutto perché molte volte non vogliamo ammettere di esserne la causa.

Ecco il consiglio della psicologa

Il consiglio della psicologa è molto semplice. Bisogna infatti essere consapevoli che i nostri figli hanno una propria identità, totalmente staccata dalla nostra. E dunque bisogna essere capaci di dividere la necessità di educarli e quella di distruggere i nostri scheletri prendendocela con loro.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te