Una buonissima ricetta per scaldare le fredde giornate d’inverno e proteggere il cuore

ceci

Quando comincia il freddo è l’ora di mettere in tavola un piatto sano e salutare, che permetta di riscaldarsi bene. Niente di più semplice che seguire queste indicazioni su una buonissima ricetta per scaldare le fredde giornate d’inverno e proteggere il cuore. Presentiamo allora la pasta e ceci alla napoletana.

Pasta e ceci alla napoletana

Comunemente chiamata a Napoli “Lampi e tuoni”, è un primo piatto molto saporito e molto corroborante, proprio quello che ci vuole d’inverno. Viene chiamata Lampi e tuoni, in riferimento all’effetto che potrebbe avere nel produrre un certo meteorismo. Ma non è detto. Simpaticamente i lampi e i tuoni potrebbero effettivamente esserci anche all’esterno, quando d’inverno si presenta una giornata di temporale, un’occasione dunque per mangiarli.

Vantaggi nutrizionali

I ceci sono, dopo fagioli e soia, i legumi più mangiati al mondo. Hanno delle qualità nutrizionali molto benefiche. Si pensi che una ricerca pubblicata su Annals of Nutrition and Metabolism mostra come i ceci  svolgano un’azione significativa per liberare il sangue dal colesterolo cattivo e proteggere il cuore.

I ceci apportano inoltre una buona dose di proteine vegetali, oltre ad essere ricchi di vitamine e di sali minerali, molto utili all’organismo. Associati poi alla pasta che contiene carboidrati, sono veramente il piatto indicato per resistere al freddo invernale.

Ingredienti di Lampi e tuoni

  • 300 gr di ceci;
  • 400 gr di laganelle;
  • 1 cucchiaino di bicarbonato;
  • ½ bicchiere di olio di oliva extravergine;
  • 2 spicchi d’aglio;
  • sale q.b.;
  • pepe q.b.;
  • del prezzemolo.

Preparazione. Una buonissima ricetta per scaldare le fredde giornate d’inverno e proteggere il cuore

I ceci vanno messi a bagno il giorno prima con un cucchiaino di bicarbonato, così che al mattino siano più teneri e possano cuocere più velocemente. Si mettono in abbondante acqua salata sul fuoco, dopo averli sciacquati e liberati dal bicarbonato residuo.

Si tenga presente che la cottura dei ceci richiede alcune ore. Quando i ceci cominciano a essere cotti si aggiunge aglio, olio evo, pepe e sale per aggiustare il sapore. La cottura vera e propria degli ingredienti insieme ai ceci comincia proprio ora. Durante questo tempo, se necessario di tanto in tanto bisogna aggiungere dell’acqua, possibilmente già calda.

Quando i ceci mostrano i segni di una buona cottura si aggiungono le laganelle, che sono delle fettucce larghe e in questo caso, spezzettate. Il prezzemolo va aggiunto qualche minuto prima che si scoli la pasta, anche una manciata se piace così.

Un piatto semplice, buono e molto riscaldante, nonché benefico per la salute.

Consigliati per te