Un titolo che ha perso il 17% nel 2019 può guadagnare il 40% nel 2020?

cairo communication

Un titolo che ha perso il 17% nel 2019 può guadagnare il 40% nel 2020?

Il fatto che un titolo azionario chiuda un anno in negativo può dire tutto e/o nulla,. Bisogna capire e studiare il perchè del movimento. Se esso sia o meno un effetto di una sopravvalutazione rispetto al fair value oppure un mero ridimensionamento grafico che non ha intaccato e variato il trend di lungo termine.

Basta analizzare i grafici annuali di gran parte dei titoli a Piazza Affari dell’ anno 2018 per avere subito una risposta attendibile.

Azimut ad esempio perse nel 2018 il 31,8% mentre nel 2019 ha guadagnato  il 140,99%. Potremmo continuare con altri esempi che sono presenti nelle serie storiche ma non è lo scopo di questa analisi.

Molti titoli che nel 2018 sono scesi nel 2019 hanno fatto faville. La costante (ci sono state anche eccezioni)  era il raggiungimento di un’elevata sottovalutazione nel corso dell’anno precedente.

Continuiamo a ripetere  un concetto perchè è fondamentale per guadagnare in Borsa:

comprare titoli sottovalutati in trend rialzisti, vendere titoli sopravvalutati in trend ribassista.

Non c’è altra strada con probabilità a favore. Il resto potrebbe diventare mero gambling.

Un titolo che ha perso il 17% nel 2019 può guadagnare il 40% nel 2020?

Il titolo in questione è Cairo Communication (MIL:CAI)

Nel 2018 ha aperto a 3,28 2 ed ha chiuso l’anno a 2,715.

Oggi è in rialzo dell’1,87% e si porta a 2,72.

Quali sono i motivi che potrebbero far salire il titolo nel 2019?

Sia fondamentali che grafici.

In base ai bilanci normalizzati degli ultimi 4 anni si calcola un fair value a 5,03 con una  sottovalutazione potenziale dell’ 84,92%.

La crescita degli utili è prevista all’1,42%.

Il dividend yeld attuale è del 5,24%..

Dal punto di vista grafico notiamo delle interessanti divergenze  rialziste di lungo termine che potrebbero portare a imminenti forti rialzi  delle quotazioni. Il titolo va comprato  sopra 2,895 in chiusura settimanale per target ambiziosi ben oltre i massimi dell’anno precedente.

Si procederà per step.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te