Un contorno romano dal sapore antico

una porzione di vignarola romana

Oggi introduciamo un contorno romano dal sapore antico. Stiamo parlando di un pilastro della cucina romana: la “vignarola”. Oggi questo piatto è molto meno consumato rispetto a qualche decennio fa. Ma nelle trattorie d’antan di Roma si può trovare ancora la vignarola nei menù.

Il misto di verdure, alla base di questa portata, si sposa perfettamente con i piatti di carne per la presenza di guanciale. Vediamo la ricetta per portare la tradizione romana a tavola.

Ricordiamo, a tal proposito, ai nostri affezionati Lettori, che sul nostro nuovo canale YouTube si possono trovare numerose altre ricette; l’iscrizione al canale è gratuita.

Un contorno romano dal sapore antico: gli ingredienti

Ecco gli ingredienti occorrenti:

a) 500 grammi di piselli fini;

b) 500 grammi di fave;

c) 500 grammi di carciofi;

d) un ceppo di lattuga;

e) 150 grammi di guanciale;

f) un cipollotto;

g) un peperoncino;

h) sale, quanto basta;

i) vino bianco da tavola;

l) olio evo.

Preparazione

Iniziamo pulendo le verdure. Dunque, sbucciamo le fave e i piselli. Poi tagliamo a listarelle la lattuga dopo averla sciacquata con cura.

Prendiamo ora i carciofi. Eliminiamo le foglie più coriacee e ricaviamo il cuore dei carciofi. Li tagliamo a fettine sottili.

Procediamo poi alla preparazione del soffritto. In una padella calda mettiamo l’olio extra vergine d’oliva, il cipollotto tagliato a rondelle e il peperoncino. Facciamo dorare per due minuti, poi aggiungiamo il guanciale tagliato a cubetti. Facciamo cuocere per almeno tre minuti.

Dopodiché aggiungiamo nell’ordine: i carciofi, le fave e i piselli. Ci raccomandiamo di aggiungere ciascuna verdura ogni tre o quattro minuti.

Ora sfumiamo con un bicchiere di vino bianco e aggiungiamo il sale.

Negli ultimi minuti di cottura aggiungiamo anche la lattuga romana. Lasciamo cuocere il tutto a fiamma dolce per circa quindici minuti con il coperchio. Aggiustiamo ancora di sale e di olio.

Dopo pochissimi minuti possiamo servire in tavola la nostra “vignarola” romana. I più audaci possono sfruttare la ricetta della “vignarola” per preparare un ottimo piatto di pasta.

Consiglio

Dopo cena deliziamoci con delle tortine fragranti con mele, cannella e rum da gustare davanti al caminetto.

 

Consigliati per te