Titoli azionari che rimbalzano anche forte ma non hanno raggiunto ancora il minimo

Piazza Affari

Se osserviamo i grafici dei  mercati azionari  da quando hanno raggiunto il loro picco fra il 20 ed il 27 luglio, ci rendiamo subito conto che ad oggi ci sono titoli azionari che rimbalzano anche forte ma non hanno raggiunto ancora il minimo o quantomeno non hanno invertito al rialzo.

La struttura primaria soprattutto per l’indice azionario di Piazza Affari e per molti titoli guida è ancora saldamente al ribasso. Anzi forse è l’unico indice azionario che non ha ancora ribaltato il ribasso iniziato nel mese di febbraio.

In un contesto del genere effettuare acquisti in ottica Buy and Hold oltre l’ottica giornaliera è davvero sconsigliato. Questo perchè  si potrebbe andare incontro a ulteriori forti ribassi.

Per questo motivo la cautela deve essere alta per non incorrere in forti perdite. Loss  che potrebbero  non essere recuperabili nei prossimi 12  fino a 36 mesi almeno.

Tutti coloro che hanno intenzione di aprire posizioni da mantenere sulle Borse mondiali devono avere bene in mente la statistica che segue:

in base alle medie storiche ponderate dal 1898 ad oggi, chi investe oggi   in ottica 1,3 ,12,24 e 36 mesi probabilmente andrà nei periodi considerati incontro a perdite.

Oggi sono consigliabili investimenti soltanto in ottica 5 ma soprattutto 10 anni.

Titoli azionari che rimbalzano anche forte ma non hanno raggiunto ancora il minimo

Proprio a Piazza Affari ci sono 3 titoli azionari ad ampia capitalizzazione che di tanto in tanto rimbalzano forte ma non hanno ancora archiviato la loro struttura ribassista.

Ci riferiamo ad ENEL, ENI e Unicredit (MIL:UCG).

ENEL, ultimo prezzo 7,442. Solo una  chiusura del mese di settembre superiore a 7,422 potrebbe far ripartire un rialzo di medio lungo termine. In caso contrario si potrebbe scendere già nei prossimi 2/3 mesi verso 5,80/5,55. Comprare in chiusura  di settembre superiore a 7,422 con stop loss a 7,227.

ENI, ultimo prezzo 6,80. Solo una  chiusura del mese di settembre superiore a 10,662 potrebbe far ripartire un rialzo di medio lungo termine. In caso contrario si potrebbe scendere già nei prossimi 2/3 mesi verso 5,00/3,55.

Unicredit, ultimo prezzo 7,10. Solo una  chiusura del mese di settembre superiore a 7,70 potrebbe far ripartire un rialzo di medio lungo termine. In caso contrario si potrebbe scendere già nei prossimi 2/3 mesi verso 4,80/3,55. Comprare in chiusura  di settembre superiore a 7,70  con stop loss a 6,53.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te