Tenere sotto controllo 2 particolari valori nel sangue potrebbe salvarci da questa futura malattia che sarebbe responsabile di problemi al sistema nervoso

esami del sangue

Con gli esami del sangue si tengono sotto controllo molti valori importanti per la nostra salute. Sarebbe bene ripetere i controlli almeno una volta l’anno, per tenere monitorata la nostra salute. In questo modo potremo renderci conto più facilmente di avvisaglie relative al fatto che qualcosa non sta funzionando come dovrebbe. Nel caso delle donne i valori dovrebbero essere tenuti sotto controllo con una certa cadenza soprattutto nel caso in cui fossero sottoposte a terapia ormonale come la pillola o a causa della menopausa. Tenere sotto controllo 2 particolari valori è sempre più importante.

Ecco cosa tenere monitorato

Uno tra i valori più importanti che va sempre tenuto d’occhio è quello della tiroide. Infatti, quelli che vediamo scritti come TSH, FT4 e FT3 ci dicono se la nostra ghiandola tiroidea funziona a dovere. Il primo è l’esame principale di screening per stabilirne il buon funzionamento. Misura la quantità di ormone secretato dalla ghiandola ipofisi ed è utile per diagnosticare iper o ipotiroidismo. FT4 è il principale ormone prodotto dalla tiroide e se ne dosa la frazione libera nel sangue. Mentre FT3 è l’ormone tiroideo e i suoi valori derivano anche dalla trasformazione della T4 negli organi periferici. I valori devono rientrare nel range che se si trova direttamente sul resoconto delle analisi. Poiché, per esempio, valori bassi di TSH potrebbero indicare ipertiroidismo, mentre sopra la norma ipotiroidismo.

Tenere sotto controllo 2 particolari valori nel sangue potrebbe salvarci da questa futura malattia che sarebbe responsabile di problemi al sistema nervoso

Un altro valore da tenere sempre sotto controllo è quello della glicemia. Questo evidenzia i valori degli zuccheri nel sangue ed è fondamentale per diagnosticare il diabete e tenere, eventualmente, sotto controllo la malattia. In questo articolo, a titolo esemplificativo, abbiamo evidenziato le varie tipologie di diabete e soprattutto quali zuccheri della frutta si potrebbero mangiare con regolarità e quali invece andrebbero maggiormente dosati. Ma la glicemia non è la sola che può dare avvisaglie sulla presenza o meno della malattia dell’insulina. Anche l’esame del TSH è importante.

Alcuni studi, infatti, hanno dimostrato che l’ipotiroidismo aumenterebbe del 13% la probabilità di sviluppare diabete di tipo 2. Il rischio aumenterebbe fino al 40% in soggetti che avrebbero una ridotta funzionalità tiroidea. Ma cos’è l’ipotiroidismo? È una condizione che evidenzia quantità eccessive di ormoni tiroidei in circolo. Non bisogna, però, neanche preoccuparsi troppo. Questi 2 particolari valori del sangue, se tenuti sotto controllo, ci aiuteranno nella prevenzione e ci permetteranno di intervenire alle prime avvisaglie. Con una terapia giusta la vita può continuare serena, ma accorgersene in tempo è l’unico modo per evitare ripercussioni gravi future.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te