Siete responsabili per il cane se lo portate a spasso. Ecco cosa dice la Cassazione

cane

Fate attenzione se un amico vi chiede di far uscire il suo cane. È responsabile per i danni chiunque abbia un legame affettivo con l’animale. Per questo siete responsabili per il cane se lo portate a spasso.

Lo afferma la Corte di Cassazione con sentenza 27876 del 2020 in cui il protagonista è stato processato per lesioni colpose provocate ad una signora.

La responsabilità dell’imputato consisteva proprio in omessa custodia e vigilanza del cane. Il protagonista tenta di difendersi proprio affermando che il cane non era di sua proprietà.

La giustificazione tuttavia non è stata sufficiente. Secondo la Cassazione, infatti, il fatto che quel signore portasse a spasso quel cane dimostra che tra persona ed animale esistesse comunque un legame di affezione.

Siete responsabili per il cane se lo portate a spasso

In effetti è difficile immaginare che, pur volendo fare un favore ad un amico, voi siate disposti a portare a spasso un cane che conoscete poco o niente. Forse non pensereste al problema della responsabilità per danni. Ma certamente vi fidereste poco voi stessi di un animale che non conoscete.

Nel caso oggetto di sentenza anche le circostanze di fatto hanno avuto peso. Al momento del sinistro, infatti, il cane era regolarmente tenuto al guinzaglio dall’imputato. Durante il processo è anche emerso che quel signore portava quel cane a spasso tutti i giorni.

In sintesi ecco cosa dovete ricordare.

Se per fare un favore ad un conoscente portate fuori il suo cane con regolarità, voi siete i custodi del cane. Non ne siete proprietari, ma siete i custodi. Per questo motivo avete tutti gli obblighi e le responsabilità che il Codice Civile riconosce per le cose in custodia. Inevitabilmente è compito vostro tenere saldamente il cane al guinzaglio ed evitare che possa far cadere o mordere terze persone.

Solo se il cane morde qualcuno per difendersi non siete responsabili. Per esempio la Corte di Cassazione ha assolto il proprietario di un cane che aveva morso un bambino. Perchè? Perchè il bambino gli era passato sulla coda con la bicicletta. In quel caso il padrone non poteva essere responsabile delle lesioni. Il cane si era difeso da una sorta di aggressione e sicuramente lo aveva fatto in modo repentino ed imprevedibile. Quindi, in quel caso, la reazione del cane aveva per il padrone le caratteristiche del caso fortuito e forza maggiore. Ossia un accadimento imprevedibile al quale non puoi materialmente reagire od opporti.

Approfondimento

Cosa si rischia quando il proprio cane morde un estraneo o aggredisce un altro cane?

Consigliati per te