Sembra incredibile, ma esiste una pasta che potrebbe davvero salvarci la vita

pasta

Ah, la pasta. Patrimonio d’Italia per eccellenza. Insomma, diciamocelo. Siamo famosi in tutto il mondo grazie ai magnifici piatti di pasta che escono dalle nostre cucine. Quel gusto inconfondibile, tutto italiano, è davvero il nostro asso nella manica. Eppure, sembra che la pasta non ci renda solo felici a tavola e famosi nel mondo. Pare infatti abbia delle proprietà formidabili per la nostra salute. Questo, almeno, è quello che viene riportato da uno studio molto recente. Vediamo più nel dettaglio di cosa si tratta. Sembra incredibile, ma esiste una pasta che potrebbe davvero salvarci la vita!

La ricerca che svela come potrebbe aiutarci in caso di pericolo

A condurre questo interessantissimo studio è l’Istituto di Scienza della Vita della Scuola Superiore di Sant’Anna. La ricerca, pubblicata sulla prestigiosa rivista Scientific Reports, ha davvero dell’incredibile. Pare infatti esista una pasta che possa salvarci dagli attacchi cardiaci. Questo alimento è composto dalla comune semola di grano duro e da farina di orzo ricca di beta glucano. Questa sostanza è una fibra alimentare che fa crescere nuovi vasi sanguigni. In questo modo, il nostro cuore sarebbe al sicuro!

Sembra incredibile, ma potrebbe davvero salvarci la vita

Dunque, questa piccola sostanza potrebbe davvero fare un lavoro enorme! Per adesso, purtroppo, questo tipo di pasta non è stata ancora messa in commercio. Infatti, gli studi stanno andando avanti. In questo modo, la ricetta sarà affinata e resa più che perfetta. Per il momento, gli esperimenti stanno continuando per lo più sui topi. 

Si tratta davvero di una scoperta che ha dell’incredibile. Possiamo assolutamente dirlo. E ora, non dobbiamo far altro che aspettare e avere fiducia nella scienza. I nuovi risultati, infatti, porteranno sicuramente a perfezionamenti nella ricerca. Sembra incredibile, ma esiste una pasta che potrebbe davvero salvarci la vita e speriamo arrivi presto in commercio! 

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te