Se vuoi perdere peso devi ascoltare la musica, lo dice la scienza

allenamento

Allenarsi, sudare, impegnarsi per raggiungere degli obiettivi e superare i limiti fisici e mentali che ci poniamo ogni giorno. Lo sport è senz’altro una linfa vitale di cui l’essere umano non può fare a meno. Generalmente, a molte persone piace ascoltare musica mentre ci si allena. Semplice gusto personale, tendenza oppure una moda da seguire? Nessuna delle tre opzioni. La relazione tra sport e musica non è poi così scontata e dietro le nostre abitudini quotidiane si nascondono una miriade di ragioni scientifiche.

Ascoltare musica, infatti, favorirebbe l’attività fisica e quindi indurrebbe il nostro corpo a lavorare di più. Una buona notizia per chi vuole perdere peso sulle note della sua canzone preferita.

Se vuoi perdere peso devi ascoltare la musica, lo dice la scienza. Lo studio

A dirlo i ricercatori Brunel University di Londra. Secondo gli esperti il nostro corpo reagisce in maniera del tutto naturale agli stimoli della musica, migliorando così le prestazioni.

Nel dettaglio, lo studio ha fatto emergere che ascoltare musica durante l’attività fisica aumenterebbe del 5% la frequenza dei passi in una corsa ad esempio e ridurrebbe il 15% il senso di fatica. Non male non credere? Non importa la tipologia di melodie. Tuttavia, sempre secondo gli esperti, la musica per essere efficace ed incidere sulle prestazioni deve trasmettere emotività ed energia attraverso testi profondi, stimolando così alcune aree del cervello che si occupano delle emozioni ma anche dei riflessi fisici.

Dunque, in buona sostanza la musica rappresenta un agente esterno che favorisce la perdita di peso in eccesso, il tutto accompagnato da una buona dose di buonumore che non fa mai male. Provare per credere!

Se “Se vuoi perdere peso devi ascoltare la musica, lo dice la scienza” vi è stato utile, allora leggete anche “Secondo voi parlano di più gli uomini o le donne? Ecco quello che rivela la scienza

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te