Se hai messo dei soldi su obbligazioni di questi Paesi devi iniziare a preoccuparti 

crisi

Alla ricerca di un rendimento interessante, potresti esserti imbattuto in bond di Stati ad economie cosiddette emergenti. E magari, tentato, potresti averci investito dei soldi.

Il tuo risparmio potrebbe essere a rischio se hai investito in bond dello Zambia, dell’Angola o del Kenia. Se hai messo dei soldi su obbligazioni di questi Paesi devi iniziare a preoccuparti. Ecco perché.

In arrivo i primi casi di default di titoli governativi

Dopo la crisi sanitaria, iniziano a manifestarsi i problemi economici portati dalla pandemia e dal blocco mondiale delle attività. E a pagarne le spese saranno le economie più fragili, quelle meno attrezzate a resistere ad uno tsunami finanziario in arrivo.

Perché queste sono solo le avanguardie di una crisi economica che potrebbe colpire gli stati economicamente più fragili. Un effetto domino con conseguenze catastrofiche, specialmente per i risparmiatori che hanno investito in obbligazioni di paesi periferici.

Il primo caso di default è dello Zambia. Il Paese africano ha fatto appello ai creditori per una ristrutturazione del debito, che ammonta a tre miliardi di dollari. Si richiede la sospensione temporanea del pagamento delle cedole che saranno emesse da ottobre ad aprile del prossimo anno.

Se hai messo dei soldi su obbligazioni di questi Paesi devi iniziare a preoccuparti

I bond di cui si chiede la sospensione delle cedole sono 3. Il primo è il decennale con scadenza nel settembre del 2022 ed ha una cedola del 5,375% (Isin: XS0828779594). Gli altri hanno scadenza nel 2024 e nel 2025 e hanno caratteristiche simili. In caso i creditori accettassero una ristrutturazione del debito, per ogni mille dollari nominali verrebbe pagata una cedola di 0,5 dollari.

Lo Zambia fino allo scorso anno era uno dei Paesi emergenti i cui bond erano preferiti dagli investitori. L’alto rendimento delle obbligazioni piaceva molto. La forte crescita economica del Paese aveva creato una grande fiducia verso la solvibilità del credito. Questo fattore ha reso fino ad oggi le sue obbligazioni molto interessanti.

Lo Zambia non è l’unico Paese africano in difficoltà. Anche Angola e Kenia si trovano nella stessa situazione.

In caso di accordo con   debitori e di ristrutturazione del debito, si eviterebbe il default. Ma comunque il Paese verrebbe e ugualmente considerato tecnicamente fallito.

Approfondimento

Focus su un BTP che offre un rendimento del 15% cumulato per 13 anni. Leggi qui l’analisi.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te