Reddito di cittadinanza in scadenza: ecco come rinnovarlo

reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza in scadenza: ecco come rinnovarlo. da settembre 2020. Per coloro che hanno fatto domanda a marzo 2019, quindi, il reddito è quasi in scadenza. La misura sarà comunque rinnovabile, ma sarà necessario presentare nuovamente la domanda. Intanto sorgono delle novità riguardanti il reddito.

Vediamo quindi più nel dettaglio le novità e le scadenze.

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Le novità

Sono tante le novità nel 2020 per chi usufruisce del reddito di cittadinanza. Nel decreto  Rilancio si parla di un’estensione di altri 2 mesi della sospensione di condizionalità del reddito. Questo significa che i beneficiari del reddito non dovranno recarsi nei centri dell’impiego per partecipare a formazioni e orientamenti.

Inoltre, il decreto Rilancio ha stabilito che i percettori del reddito di cittadinanza avranno la possibilità di stipulare contratti a termine fino a 30 giorni e rinnovabili per 30 giorni. L’ammonto retributivo potrà essere di massimo 2.000 euro, con datori di lavori nel settore agricolo.

Reddito di cittadinanza in scadenza: ecco come rinnovarlo

Per i percettori del reddito che vorranno continuare ad usufruirne per altri 18 mesi, sarà necessario accettare un’offerta di lavoro, ovunque essa si trovi in Italia.

I documenti per presentare la domanda sono i seguenti: ISEE aggiornato al 2020 e modulo SR180 per la domanda RdC/PdC.

La domanda dovrà essere presentata esattamente un mese dopo la scadenza dei 18 mesi del sussidio.

Chi non potrà percepire il reddito di cittadinanza?

Il reddito di cittadinanza è stato concepito come una misura straordinaria a sostegno del reddito. Quindi è una misura temporanea, con una scadenza. La durata del reddito infatti, è fissata a 18 mesi da quando la domanda viene elaborata e riconosciuta.

Al momento della fine del sostegno, però, ci saranno alcuni che non potranno presentare nuovamente la domanda: se un componente di una data famiglia, infatti, supera determinati limiti di reddito o patrimonio, il beneficio smette di esistere.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te