Pizza di scarola, ricetta tipica napoletana ottima per ogni occasione

scarola

La pizza di scarola è una tipica ricetta napoletana preparata, cucinata e consumata in occasione del pranzo della Vigilia di Natale, quando, secondo tradizione, è vietato mangiare carne. Una squisitezza culinaria che, in quanto facile da preparare oltre che gustosissima, una volta pronta e assaggiata, di certo non mancherà più sulle vostre tavole. La pizza di scarola è ideale, infatti, come pranzo veloce, ma anche come merenda o aperitivo alternativo. Illustriamo dunque la pizza di scarola, ricetta tipica napoletana ottima per ogni occasione.

La scarola, una verdura poco conosciuta

La scarola è una varietà di indivia autunnale e invernale, dal sapore leggermente amarognolo che la rende molto particolare. Dall’aspetto simile ad una insalata con foglie un pò arricciate, verdi sulla punta e più chiare alla base. Può essere consumata anche cruda in insalata, perchè ottima per il suo essere croccante. Può essere inoltre gustata cotta, lessata o ripassata in padella, grazie al suo sapore tanto particolare. Ricca di acqua, di fibre, di sali minerali, di vitamine A, C e K, è particolarmente indicata per chi soffre di stipsi, di ipertensione, per chi segue una dieta. Di seguito, la preparazione della pizza di scarola.

Ingredienti

Per la pasta:

a) 500 gr di farina;

b) 250 gr di acqua;

c) 120 ml  di olio evo;

d) mezzo panetto di lievito di birra;

e) 10 gr di sale.

Per la farcitura:

f) due cespi di scarola;

g) 30 gr di acciughe sott’olio;

h) 20 gr di pinoli;

i) 20 olive nere di Gaeta denocciolate

l) 15 gr di uva sultanina;

m) 2 spicchi di aglio;

n) olio e sale q.b.

Preparazione

Dobbiamo, innanzitutto, preparare la pasta. Nel caso non si abbia tanto tempo o voglia, è sufficiente comprare 500 gr di pasta per pizza, in un supermercato o in una panetteria. La variante di pasta che, in particolare, prepareremo è un pò  più fragrante, dal momento che nell’impasto è incluso anche dell’olio. Sciogliamo il mezzo panetto di lievito in tre cucchiai di acqua calda. Disponiamo su un piano di lavoro la farina a fontana, aggiungiamo acqua, olio, quindi il lievito sciolto ed infine il sale. Ricaviamo un impasto elastico e liscio. A questo punto formiamo una sorta di palla che mettiamo a lievitare per tre ore, a temperatura ambiente, coperta da un telo da cucina.

Pizza di scarola, ricetta tipica napoletana ottima per ogni occasione

A parte prepariamo la scarola: tagliamo ed eliminiamo la base, eliminiamo le foglie più esterne. Tagliamo anche a pezzetti le altre foglie, che poi passeremo a lavare e ad asciugare. In una padella  scaldiamo l’olio con aggiunta di aglio, aggiungiamo i pinoli, l’uvetta, le acciughe, le olive e le foglie di scarola. Ricaviamo, quindi, dall’impasto lievitato due parti distinte. Con la prima parte, realizziamo una base sottile da stendere in una teglia oleata che va poi bucherellata con una forchetta. Nel frattempo, eliminiamo dalla farcitura della scarola l’eventuale acqua residua. A questo punto versiamo la farcitura sulla base di pasta lievitata. A seguire, stendiamo sopra la farcitura l’altra parte di pasta rimasta e ne sigilliamo, poi, i bordi. Anche questa volta bucherelliamo la superficie con una forchetta e spennelliamo con dell’olio. Cuociamo, infine, in forno preriscaldato statico a 180° per circa 40 minuti.

In conclusione, sempre restando in tema di tradizioni culinarie napoletane, vi illustriamo in questo articolo la ricetta delle melanzane a scarpone.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te