Novità dall’Agenzia delle Entrate sul credito di imposta per questo bonus

Agenzia delle Entrate

L’Amministrazione Finanziaria ha pubblicato un provvedimento che interessa il calcolo sulla fruizione del bonus per la sanificazione ed i DPI. I Tecnici di ProiezionidiBorsa illustrano ai Lettori quali sono le novità dall’Agenzia delle Entrate sul credito di imposta per questo bonus.

Incremento del credito di imposta per i beneficiari

L’Agenzia delle Entrate ha reso note le nuove cifre che interessano il calcolo sul credito di imposta per il bonus sanificazione e DPI. Grazie alle ulteriori risorse finanziarie che si sono rese disponibili, si è reso necessario rimodulare i calcoli circa il credito di imposta che interessa la fruizione del suddetto bonus. Questo è quanto indica l’Agenzia delle Entrate nel provvedimento n. 381183 del 16 dicembre 2020. La nuova percentuale di credito sarà infatti pari al 47,1617%. Si tratta di un valore che si ottiene mettendo in rapporto le risorse effettivamente disponibili con i crediti richiesti. Ecco dunque la principale novità dall’Agenzia delle Entrate sul credito di imposta per questo bonus.

Come e chi potrà fruire del credito derivante dal bonus

Tale credito di imposta è una misura che ha introdotto il D.L. 34/2020 nell’articolo n. 125 e che ha ricevuto un successivo incremento. Tale agevolazione economico-fiscale mira a sostenere le spese che riguardano l’acquisto di dispositivi di sanificazione per gli ambienti di lavoro. Questo per garantire la sicurezza e la tutela dei lavoratori e dei clienti delle varie attività e imprese che ne potranno beneficiare. Oltre alla sanificazione il bonus interessa anche l’acquisto di Dispositivi per la Protezione Individuale (DPI) utilizzabili da esercenti, professionisti, imprese e simili. Il recente provvedimento da parte dell’Amministrazione Finanziaria palesa un aumento del credito che scatta in maniera automatica.

Questo significa che non si pone la necessità di una ulteriore domanda da parte dei beneficiari interessati. Difatti, coloro che avevano provveduto ad inviare la richiesta entro i termini potranno visualizzare gli incrementi direttamente dal proprio cassetto fiscale sul sito delle Entrate. Si ricorda che il credito di imposta è utilizzabile in dichiarazione dei redditi oppure con meccanismo di compensazione tramite modello F24 con codice tributo 6917. Queste le principali novità dall’Agenzia delle Entrate sul credito di imposta per questo bonus.

Approfondimento

Come pagare sanzioni fiscali ridotte all’Agenzia delle Entrate grazie a questo sistema

Consigliati per te