Non solo curcuma gialla. Gli usi di quella bianca

curcuma bianca

Grazie a Proiezioni di Borsa conosciamo la curcuma e le sue mille proprietà. Utilizzandola in cucina ma non solo, è un vero e proprio rimedio a 360 gradi. Al tempo stesso si trova non solo la curcuma gialla. Gli  usi di quella bianca di seguito.

Indice dei contenuti

La Zedoaria

La zedoaria conosciuta anche come curcuma bianca è una varietà meno conosciuta della spezia che abbiamo imparato ad amare. Nel sud-est asiatico si trova sotto forma di verdura, ma è anche utilizzata come spezia. Il sapore ricorda la sorella gialla, ma più aspra e amara.

È sempre stata utilizzata come rimedio per curare diarrea, disturbi digestivi, meteorismo. Per questi motivi si trova citata in diversi volumi di medicina cinese e ayurvedica. Si può anche utilizzare per le infezioni della pelle dove si è dimostrata antibatterica e antimicotica.

Il suo utilizzo medico arriva anche in soccorso a disturbi mestruali per regolarizzare il ciclo o in caso di flusso poco abbondante. Infine si possono trovare studi che sottolineano il suo potere antiossidante e la sua azione protettiva verso il DNA.

Se non per specifiche allergie o sensibilità particolari non ha controindicazioni. Ovviamente se si vuole utilizzarla come rimedio naturale è sempre bene non eccedere con il dosaggio consigliato e rivolgersi al proprio medico curante.

Si può trovare come integratore alimentare in gocce o pastiglie. Da qualche tempo c’è anche la versione acquistabile in sacchetti, un po’ come i frutti essiccati.  Anche se è molto più comune trovarla  sotto forma di radice. Che sia in polvere fine o in  pezzi più grossolani.

E in cucina?

Anche in cucina non solo curcuma gialla. Gli usi di quella bianca spaziano in molti time ricette. Si può preparare una veloce salsa di accompagnamento per verdure cotte e crude. Basta aggiungerla a uno yogurt naturale con un  po’ di timo, succo di limone e un pizzico di sale.

Ricette tipiche indiane come la zuppa di patate contengono questa spezia, ma è versatile. Si può usare per il Golden milk e, per insaporire  risotti e zuppe. Si possono preparare anche infusi caldi se si hanno a disposizione le radici, oppure comprando direttamente la tisana.

Consigliati per te