Le imprese devono cerchiare in rosso la data per la Posta elettronica certificata

imprese

Pochi giorni per regolarizzare la posizione rispetto alla Pec. Le imprese devono cerchiare in rosso la data per la Posta elettronica certificata fissata al primo ottobre. Le aziende hanno l’obbligo di comunicare telematicamente al Registro delle imprese il proprio domicilio digitale. Il Decreto Semplificazioni ha introdotto questa norma chiarendo che la Pec deve essere attiva e riconducibile all’impresa.

Ma non era già obbligatorio?

Le società hanno l’obbligo della Posta elettronica certificata dal 2008 mentre le ditte individuali dal 2012 per facilitare i rapporti con la Pubblica Amministrazione. Fino ad oggi non è stata resa obbligatoria la comunicazione al Registro delle imprese. Dal primo ottobre si cambia registro e le imprese devono aver adempiuto in modo da evitare  una multa compresa tra i 206 e i 2.064 euro per le società, tra i 30 e i 1.548 euro per le imprese individuali.

Cosa succede per chi non fa la comunicazione

La Camera di Commercio controlla le società, le ditte individuali che alla data del primo ottobre non hanno provveduto alla comunicazione. In questo caso applica la sanzione amministrativa e assegna d’ufficio un domicilio digitale. Le imprese onde evitare di vedersi recapitare una sanzione è bene che facciano la comunicazione da subito perché il tempo è ormai quasi scaduto. I commercialisti che seguono imprese e ditte individuali hanno più volte sollecitato i responsabili ad aprire una Pec.

Ha un costo comunicare la Pec?

Il mondo imprenditoriale non ha nessun costo da sopportare per fare la comunicazione alla Camera di Commercio. La comunicazione del domicilio digitale è esente da imposta di bollo e diritti di segreteria. Le imprese che hanno già iscritto nel Registro Imprese un indirizzo Pec valido, attivo e nella loro disponibilità esclusiva non devono fare nessuna comunicazione alla Camera di Commercio competente. Non c’è altro tempo da perdere: le imprese devono cerchiare in rosso la data per la Posta elettronica certificata fissata per il primo ottobre.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te