La scienza svela perché chi smette di fumare rischierebbe di ingrassare ma gli esperti consigliano anche come fare per rimanere in forma

fumare

Secondo le ultime statistiche a disposizione in tutto il Pianeta, i fumatori sarebbero oltre 1,1 miliardi. Impressionante come 1 su 4 vivrebbe in Cina. Per quanto riguarda la nostra Italia, i dati non sono molto più confortanti. Saremmo circa 10 milioni con la sigaretta in mano, partendo purtroppo già dai 14 anni. Davvero curiosa, anche se non positiva, la cifra delle donne italiane fumatrici, che supererebbe oggi il 15%, contro il 20 dei maschietti. Sarebbero proprio le ragazze in controtendenza rispetto ai maschietti più giovani. Ma, nell’articolo odierno, cercheremo di capire cosa accade al nostro organismo quando smettiamo di fumare e perché rischiamo di ingrassare. La scienza svela perché chi smette di fumare tenderebbe a ingrassare, di seguito il perché.

Una condizione fisica ma anche psicologica

Come riporta anche questo studio internazionale, nel momento in cui smettiamo di fumare, il nostro cervello si trova nella condizione di dipendenza. Più o meno quello che accade a un consumatore di droghe, nel momento in cui necessita della dose quotidiana. Secondo gli scienziati, che si sono avvalsi di test umani, la carenza di nicotina provocherebbe al fumatore, o, meglio ex, la ricerca soprattutto di:

  • cibi estremamente salati;
  • zuccheri e prodotti molto dolci;
  • cibo spazzatura.

Questa ricerca di alimenti non salutari sarebbe la compensazione alla mancanza di nicotina imposta dalla nostra parte del cervello che si era legata alla dipendenza.

La scienza svela perché chi smette di fumare rischierebbe di ingrassare ma gli esperti consigliano anche come fare per rimanere in forma

Ricordano però gli scienziati, sempre usando test reali sulle persone fisiche, che gli ex fumatori avrebbero anche bisogno di Vitamina C. Ecco, allora che nel momento in cui il cervello e l’intestino “chiamano” il cibo, dovremmo dirottarci sulla frutta. Degli spuntini naturali e salutari, anche in grado di porre un freno a una delle carenze fisiologiche dell’ex fumatore. Nello stesso tempo, i contenuti di fibre, vitamine e minerali andrebbero a controbilanciare il normale aumento di peso del momento. Solitamente un ex fumatore tornerebbe al suo peso forma ideale almeno dopo 6 mesi dall’ultima sigaretta. Ma ci sono casi in cui si arriva anche a un anno dall’ultima boccata prima di tornare al peso normale. Per questo, diventa utile e salutare affidarsi anche a un nutrizionista e un esperto. Ecco perché chi smette di fumare cercherebbe di mangiare schifezze, ma dovrebbe preferire gli zuccheri naturali della frutta.

Approfondimento

Potrebbe innalzare il colesterolo buono combattendo quello cattivo questo olio davvero poco usato che la scienza starebbe studiando per le sue virtù salutari

Consigliati per te