Faremmo un errore a buttare via il vino aperto da giorni perché sono tante le cose sorprendenti che possiamo fare in cucina risparmiando ma anche in giardino e per il nostro corpo  

vino

Quando si apre una bottiglia di vino, soprattutto se si è da soli, può capitare che la bevanda avanzi. Se non siamo dei grandi bevitori, lo sorseggiamo per una evenienza speciale, probabilmente senza riuscire a vedere “il fondo della bottiglia” come si usa scherzare. D’istinto, non sapendo che farne, siamo tentati di versarlo nel lavandino, dispiacendoci per lo spreco che, soprattutto in questo periodo, non è mai piacevole.

Eppure, come tutte le cose che abbiamo in casa, anche il vino che abbiamo aperto da una settimana, potrebbe essere un valido aiuto per noi. Ci sono, infatti, vari modi per sfruttare questo “nettare”, alcuni davvero insospettabili, ma che potrebbero essere efficaci. Insomma, faremmo un errore a buttare via il vino aperto da giorni, così come capita anche con la birra scaduta.

Questo consiglio della nonna è davvero incredibile

Ad esempio, potrebbe esserci capitato di prendere una storta e veder comparire quel brutto livido sul piede. Ebbene, il nostro vino si trasforma in un prezioso alleato. Prendiamo del pane raffermo, mettiamolo in ammollo nel nostro vino avanzato, per qualche minuto, e poi passiamo il tutto sul livido. Potreste averne dei benefici, secondo questo consiglio della nonna, per via dei suoi antiossidanti e per i tessuti infiammati.

Proprio questa sua caratteristica antiossidante ben si presta, ad esempio, per la nostra pelle, se applicato al posto del solito tonico. Dovremmo portarci ad avere una cute più luminosa. C’è chi usa anche il vino bianco per pulire i vetri. Bisogna diluirlo con un po’ d’acqua e spruzzarlo con un nebulizzatore. Asciugando con il classico foglio di giornale pare che i risultati siano eccellenti.

Faremmo un errore a buttare via il vino aperto da giorni perché sono tante le cose sorprendenti che possiamo fare in cucina risparmiando ma anche in giardino e per il nostro corpo

In giardino e nei nostri balconi, invece, versando il vino rosso avanzato, pare che le piante apprezzino ricevendo più vigore e ricambiandovi in primavera.

Ovviamente, il vino è molto prezioso in cucina. Spesso in maniera del tutto curiosa. Ad esempio, se vogliamo conservarlo a lungo, potremmo versare il nostro vino in una vaschetta del ghiaccio e surgelarlo. Quando sarà il momento di sfumare il nostro risotto, non dovremo fare altro che scongelarlo per tempo e utilizzarlo. Sono molte, poi, le salse al vino rosso che si possono fare, perfette per accompagnare la carne.

E che dire di aggiungere un po’ di vino nei nostri tortellini in brodo, come facevamo le nostre nonne, soprattutto nella Val Padana? E se avessimo dell’uvetta avvizzita, potremmo farla rinvenire immergendola nel vino; così come la frutta secca. Insomma, prima di buttare il vino avanzato, pensiamoci bene.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te