Con questa pianta anche giardini e balconi poco esposti al sole saranno meravigliosi e coloratissimi

pianta andromeda giapponese

I meno esperti di giardinaggio spesso tendono a credere che l’ombra sia un tallone d’Achille per la vegetazione di balconi e giardini. Niente di più sbagliato! Un giardino in ombra si presta benissimo a creare stili e suggestioni particolari. Ad esempio, con questa pianta anche giardini e balconi poco esposti al sole saranno meravigliosi e coloratissimi: parliamo dell’Andromeda Giapponese. Pianta perfetta per i principianti, regalerà ai nostri spazi versi una suggestiva atmosfera d’ispirazione nipponica.

La Pieris Japonica o Andromeda Giapponese

L’Andromeda giapponese, come suggerisce il nome, arriva direttamente dall’estremo oriente. Appartenente alla famiglia Ericaceae è un arbusto ornamentale sempreverde che può raggiungere i 2/3 metri di altezza. È dotata di foglie lanceolate, ovali, eleganti e resistenti che cambiano colore al cambiare delle stagioni. Alla fine dell’estate o in autunno compaiono all’apice delle foglie, grappoli lunghi e penzolanti di boccioli di fiori colorati (i racemi). Sono piccoli, a forma di campanula e molto profumati e adornano la pianta da fine inverno a inizio primavera.

Come coltivarla

Con questa pianta anche giardini e balconi poco esposti al sole saranno meravigliosi e coloratissimi, infatti può crescere rigogliosa sia alla luce diretta del sole che all’ombra. Ma se sopporta bene anche temperature molto basse, a temperature molto elevate può andare in sofferenza. Coltivata in un terriccio speciale per rododendri potrà regalare grandi soddisfazioni. In ogni caso è fondamentale che il terreno sia ben drenato e acido, quindi arricchito da compost organico e che possa trattenere una certa umidità. In estate è possibile annaffiarla anche due-tre volte la settimana. È sempre bene fra un’annaffiatura e l’altra, aspettare che il terreno sia asciutto e controllare che l’acqua in eccesso possa defluire. Pur essendo una pianta piuttosto resistente, se lasciata in condizioni di siccità può essere facile preda di afidi e cocciniglie.

Si può piantare da marzo ad ottobre. Essendo un arbusto a bassa vegetazione non necessita di potature. Basterà recidere i rami morti dopo la fioritura, mentre quelli danneggiati vanno asportati nel mese di marzo. È ideale per le bordure dei giardini e per realizzare delle aiuole.

Ma attenzione! L’ingestione di foglie, fiori o frutti dell’Andromeda Giapponese è molto tossica, quindi è decisamente sconsigliato coltivarli in giardini frequentati da bambini.

Se i nostri Lettori sono curiosi di conoscere altre piante particolari potranno cliccare questo link.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te