Cinque siti archeologici meno conosciuti della capitale greca. L’Atene che non ti aspetti

Atene

La Grecia, un paese dalle mille meravigli. Ecco cinque siti archeologici meno conosciuti della capitale greca.

Tra le mete preferite dagli italiani per le vacanze all’estero c’è sicuramente la Grecia. Questo affascinante paese dalla storia millenaria regala infinite gemme da scoprire.

Possiamo sbizzarrirci a esplorare le bellezze naturali e gastronomiche delle sue centinaia di isole, goderci le spiagge sabbiose, il mare cristallino, o le passeggiate che il suo entroterra montuoso offre agli appassionati di hiking e camminata.

Il clima mite, la leggendaria ospitalità dei suoi abitanti e la gustosissima cucina tradizionale rendono la Grecia una meta ideale per gli amanti della natura durante tutto l’anno.

Ma sono forse le sue bellezze storiche a renderla uno dei paesi più affascinanti al mondo per archeologi, studiosi o semplici appassionati.

Tutti conosciamo l’Acropoli di Atene, centro nevralgico non solo della capitale greca, ma anche dell’intero mondo occidentale durante l’età antica e classica.

Ma forse non tutti sanno che Atene custodisce numerosissimi tesori archeologici oltre all’imponente Partenone.

Ecco cinque siti archeologici meno conosciuti della capitale greca.

Non solo Acropoli.  Cinque siti archeologici meno conosciuti della capitale greca

1) Il cimitero di Kerameikos. A poche centinaia di metri dall’imponente Acropoli si trova il cimitero di Kermeikos, anche detto il ‘ceramico’ perché qui sorgevano le botteghe di vasai e artigiani. Gli scavi archeologici hanno rinvenuto una vera e propria necropoli risalente all’età classica. Oggi è possibile visitare un piccolo museo che espone i reperti riportati alla luce.

2) L’Accademia platonica. Tutti abbiamo sentito parlare di Platone, uno dei più grandi filosofi mai vissuti. Egli fondò una famosissima scuola che rimase aperta per molti secoli dopo la sua morte. Le rovine dell’Accademia Platonica sono visibili ancora oggi, e aperte al pubblico gratuitamente. Si trovano circa tre chilometri a nord dell’Acropoli.

3) La prigione di Socrate. Nel 399 a.C. il filosofo Socrate, accusato di corrompere i giovani della città, fu condannato a morte obbligato a bere un veleno a base di cicuta. Leggenda vuole che durante il processo fosse tenuto prigioniero in una piccola cella rocciosa sul monte Filopappo, a pochissimi metri dall’Acropoli. La cosiddetta ‘prigione di Socrate’ è visitabile ancora oggi.

4) La tomba a tholos di Acharnes. Atene non è solo classicità. Nell’800 è stata rinvenuta ad Acharnes, un sobborgo settentrionale della città, una tomba a cumulo risalente all’età micenea.

Vale sicuramente una visita.

5) Il tempio sacro di Eleusi. A pochi chilometri dal centro di Atene si trovano le rovine del tempio di Eleusi, famosissimo in età classica perché qui si tenevano misteriosi riti religiosi in onore di Demetra, dea dell’abbondanza. Nell’antichità soltanto agli iniziati era permesso di entrare nel tempio di Eleusi, ma oggi tutti possiamo accedere a questo spettacolare sito archeologico.

Durante le vostre prossime vacanze, ricordatevi di visitare questi cinque siti archeologici meno conosciuti della capitale greca. Buon viaggio!

Consigliati per te