Attentissimi a scadenze e rimborsi dei prestiti bancari a partire da gennaio 2021

prestito

I prestiti bancari sono, per chi li ha sottoscritti, un impegno temporale e finanziario a tutti gli effetti. Quando li si accende, incarnano il simbolo della speranza. Di solito vengono autorizzati dopo una trafila di documenti e stress vari e li si accende solo perché se ne ha urgente bisogno. Poi però inizia subito il piano di rientro, attraverso il  rimborso, che parimenti non lascia sereni fino alla sua completa estinzione. Ma dal primo gennaio prossimo sono attese novità. Quali? Entriamo nel vivo e spieghiamo perché bisogna stare attentissimi a scadenze e rimborsi dei prestiti bancari a partire da gennaio 2021.

Le norme più stringenti

Le norme più stringenti che entreranno definitivamente in vigore in banca dal 1° gennaio prossimo sono di derivazione europea. Si è iniziato a introdurre queste norme dal 1° giugno 2019, ma dal prossimo gennaio saranno a tutti gli effetti il nuovo regime operativo. L’introduzione di nuovi principi ha a che fare con le modalità di rimborso dei crediti da parte dei clienti. Se infatti non si rispettano i termini di scadenza e di rimborso, si rischia di cadere nel limbo degli inadempienti. Quindi, si incorre in tutte quelle azioni legali di recupero del credito che normalmente una banca attiva con simili scenari.

Quando scatta l’inadempienza?

Le nuove regole partiranno quindi dal gennaio prossimo. Contengono la previsione di inadempienza automatica di un cliente bancario in caso di ritardo di oltre 90 giorni. Inoltre, l’importo di quell’arretrato deve allo stesso tempo rispettare altri due requisiti, vale a dire:

a) essere, in percentuale, maggiore all’1% del totale del credito che, a suo tempo, è stato erogato dalla  banca;

b) essere maggiore ai 100 euro d’importo.

A partire da quale data si calcolano i 90 giorni che fanno scattare l’inadempienza? Dal giorno in cui la sommatoria di capitale, interessi e commissioni superano i parametri di cui alle lettere a) e b) sopra esposte.

Attentissimi a scadenze e rimborsi dei prestiti bancari a partire da gennaio 2021

Anche la futura ed eventuale inadempienza avrà comunque una scadenza, ossia un giorno a partire dal quale il cliente non sarà più reputato tale. Anche in questo caso dovranno sussistere due condizioni:

a) il cliente deve regolarizzare tutte le posizioni arretrate, e quindi estinguer quanto ancor dovuto;

b) dovranno essere passati almeno 90 giorni dal pagamento del dovuto.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te