3 titoli a Piazza Affari che potrebbero rischiare discese di diversi punti percentuali

Piazza Affari

Brusca inversione ribassista sui mercati azionari internazionali e si iniziano ad affollare tristi presagi sui grafici. La settimana è stata davvero decisiva come da attese ed ora le cose non si mettono bene.

Solo un’automodifica dello scenario fra lunedì e martedì potrebbe impedire che sia iniziata una nuova fase ribassista di diversi punti percentuali.

Da lunedì in apertura, diversi listini azionari assumeranno il segnale di trading Short e, quindi, si prospetterà l’inizio di una fase ribassista in ottica multidays.

Il Ftse Mib Future, al momento, sembra l’indice che ancora non abbia abbandonato la strada del rialzo, ma vedremo cosa accadrà nei prossimi giorni. Ci sono 3 titoli a Piazza Affari che potrebbero, però, già aver abbandonato il loro trend rialzista ed essere pronti anche per discese importanti. Sono diretti verso nuovi minimi annuali? Potrebbe essere possibile, questo comunque fino a prova contraria e fino a quando non si formerà una successiva inversione rialzista.

Essi sono: Banca IFIS, EXOR e Stellantis (MIL:STLA).

Indice dei contenuti

3 titoli a Piazza Affari che potrebbero rischiare discese di diversi punti percentuali

Banca IFIS, ultimo prezzo a 17,92. Stime degli analisti (5 giudizi) intorno a un prezzo di fair value a 22,50 euro.

Fino a quando non si assisterà a una chiusura settimanale superiore a 18,98, i prezzi potrebbero continuare a scendere in poche settimane verso l’area di 14,59 e poi 12,70 euro.

EXOR, ultimo prezzo a 68,64. Stime degli analisti (6 giudizi) intorno a un prezzo di fair value a 96,20 euro.

Fino a quando non si assisterà a una chiusura settimanale superiore a 71,10, i prezzi potrebbero continuare a scendere in poche settimane verso l’area di 55,12 e poi 48,50 euro.

Stellantis, ultimo prezzo a 13,112. Stime degli analisti (22 giudizi) intorno a un prezzo di fair value a 23,10 euro.

Fino a quando non si assisterà a una chiusura settimanale superiore a 13,748, i prezzi potrebbero continuare a scendere in poche settimane verso l’area di 12,166 e poi 10,50 euro.

Questi livelli indicati cambieranno di settimana in settimana. Torneremo di volta in volta sull’argomento.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te