2 ottime maschere per il viso per pelli grasse che consiglia la nonna

viso

Avere la pelle grassa è davvero fastidioso. È un problema che riguarda anche gli adulti e spesso provoca uno disagio personale e vergogna in presenza di colleghi, parenti o amici. Possiamo realizzare 2 ottime maschere per il viso per pelli grasse che consiglia la nonna in modo saggio e autorevole. Queste maschere si possono ottenere con quanto si ha in casa in modo semplice, efficace ed economico, assicurando risultati straordinari.

Ecco la prima delle 2 ottime maschere per il viso per pelli grasse che consiglia la nonna

La prima maschera per il viso si prepara con il succo di mezza arancia rigorosamente spremuta ed otto cucciai di farina. Bisogna mescolare la farina al succo fino ad ottenere un composto denso. La maschera va applicata sul viso pulito con un pennello morbido e lasciata agire per venti minuti, per poi risciacquare con abbondante acqua tiepida.

Seconda maschera

La seconda maschera per il viso è composta dalla panna, dal lievito e dal miele. Il lievito di birra è ricchissimo di vitamina B e si usa da sempre per combattere l’untuosità della pelle mescolato con la panna e il miele.

Ecco gli ingredienti:

  • 15 grammi di lievito di birra;
  • quattro cucchiaini di panna;
  • due cucchiaini di miele.

Iniziamo con il mescolare il lievito sbriciolato alla panna formando una pasta e uniamo al composto il miele. Dopo aver inumidito con acqua viso e collo, applichiamo la maschera e lasciamola in posa per 20 minuti. Infine, risciacquiamo con acqua abbondante tiepida.

Il risultato è spettacolare perché il lievito ha un’azione equilibratrice sulle ghiandole sebacee del viso, mentre la panna e il miele donano morbidezza alla pelle.

Una raccomandazione molto importante è che l’utilizzo settimanale di queste maschere per il viso non sostituisca il latte detergente da utilizzare mattina e sera regolarmente.

Con queste 2  maschere per il viso si può tenere a bada un problema in modo naturale e poco costoso.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te